Facebook scalda i motori…di ricerca.

Facebook-scalda-i-motori-di-ricerca

Facebook sta testando un proprio motore di ricerca in-app, tramite un gruppo selezionato di utenti di test. Questo motore di ricerca è in grado di scansionare il Web e recupera contenuti per gli utenti di Facebook, senza la necessità per loro di visitare Google.

La condivisione di contenuti dal web in mobilità, all’interno delle App sui nostri smartphone e tablet, ad oggi è assai complessa o quantomeno “scomoda”. I pulsanti social (presenti oramai su qualsiasi sito web) che usiamo normalmente da Pc per condividere i contenuti che ci piacciono con i nostri amici o followers su Twitter, Facebook ecc…, non re-indirizzano in automatico alle APP, ma aprono il nostro profilo social su una nuova finestra web nella quale ovviamente dobbiamo di nuovo effettuare il login e navigare in contenuti “adattati”. Gli utenti più esperti e/o smaliziati (passateci il termine) si affidano al copia/incolla: copiano il link del sito contenente l’articolo che gli interessa e lo incollano sul loro aggiornamento di stato Facebook (all’interno della APP per comodità e per fare prima) aggiungendo il loro commento. Ma per la maggior parte degli utenti social, questo procedimento “macchinoso” limita fortemente la condivisione social, provocando un minor numero di link e contenuti esterni condivisi.

Per Facebook questo è un problema non da poco: considerando che per postare “Selfie” o foto di piatti di pasta al ristorante la APP più scelta è Instagram, che per condividere brevi pensieri è sempre più utilizzato Twitter e scambiare foto e messaggi con WhatsApp è ormai un rito, cosa potrà tenere ancora incollati a Facebook (dopo più di 10 anni) i milioni di utenti registrati, se non riusciranno a fare qualcosa di diverso che postare “stati” e/o foto?

Ecco quindi la necessità di permettere la ricerca di pagine e contenuti web direttamente all’interno della App.

Questa nuova funzione sarà un’estensione degli aggiornamenti di stato di Facebook. Durante la creazione di uno stato ci sarà la possibilità di aggiornare l’opzione “aggiungi un link” che apparirà accanto alle opzioni esistenti di aggiungere una foto o la codifica di una posizione.

Quando si fa clic su “aggiungi un link” l’utente sarà quindi in grado di cercare contenuti attraverso parole chiave e in anteprima dentro l’app di Facebook.

Quando hai trovato il contenuto che desideri lo puoi condividere istantaneamente ed è possibile aggiungere il link al tuo stato.

Ovviamente il tutto è ancora in “beta” e da ufficializzare, ma se veramente Facebook risolverà così il problema “Googling” della condivisione mobile, Google come la prenderà?

E soprattutto quale sarà la sua contromossa?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *